Montessori 6-12 per gli anni della scuola

Negli ultimi giorni sono stata impegnata con l’organizzazione di un Festival di arte e scienza per bambini e bambine, quindi ho saltato un po’ di lavoro qui (le attività di venerdì scorso… MANNAGGIA!!!) e sono stata completamente assorbita da quell’attività.

2018-05-10 01.43.02 2.jpg
Processed with VSCO with c3 preset

Durante le giornate del Festival però c’era una bancarella con molti libri montessoriani e alla mia personale collezione ho potuto aggiungere il nuovo libro di Claudia Porta edito da Gallucci, Montessori 6-12. Nella marea di libri sul metodo Montessori e sulle attività usciti negli ultimi anni (o mesi?), il libro di Claudia è effettivamente una novità perché la fascia d’età di cui parla è per lo più ignorata dall’editoria in materia.

Tra i sei e dodici anni il bambino comincia ad assimilare l’astrazione. In questa fase nasce inoltre un’inesauribile curiosità: dopo aver osservato un fenomeno, il bambino indaga per scoprirne le cause.

Probabilmente dai 6 anni in su i bambini sono più autonomi nelle scelte o si tende a delegare maggiormente alla scuola tutta una parte di attività di scoperta che prima ci piaceva fare insieme. Restava comunque un vuoto in questo ambito per i bambini più grandi che, per fortuna, è stato egregiamente colmato (però vi dico che sono di parte perché ho letto tutti i precedenti libri dell’autrice e la seguo da anni).

L’intento del libro non è quello di spiegare il curriculum della scuola primaria montessoriana, ma quello di proporre attività da svolgere in famiglia per seguire un interesse o superare una difficoltà. In molti casi si trovano spiegate le attività montessoriane insieme a versioni semplificate, che possono essere davvero alla portata di tutti.

Lo stile del libro che fa chiaramente capire che i genitori non diventeranno pseudo maestri montessori una volta lette tutte le pagine, ma avranno gli strumenti per aiutare i figli nelle loro scoperte e, perché no?, imparare cose nuove insieme, partendo dall’interesse dei ragazzi.

Insegno solo cose che non so, così nel frattempo imparo.

Gaetano Pesce

Il libro ha una struttura molto semplice, dopo aver inquadrato il metodo Montessori, si divide in sezioni/materie, offrendo vari spunti affrontare insieme ai bambini le diverse materie (scienze, linguaggio, aritmetica, geografia e storia) in modo da poter essere utilizzato molto agevolmente anche se un bambino frequenta una scuola tradizionale. Lo vedo bene sia come supporto allo studio o ai compiti, sia come compendio di idee per passare il tempo familiare seguendo gli interessi dei più piccoli indipendentemente dalla scuola.

La parte finale poi è decisamente interessante perché affronta il tema del Montessori oggi, con piccoli consigli su come gestire autonomamente attività quotidiane legate all’uso dei soldi, delle tecnologie e così via.

Condivido completamente il pensiero di fondo per cui l’ultima cosa di cui hanno bisogno i bambini oggi siano ulteriori stimoli, ma che abbiano un gran bisogno di essere supportati da genitori ed educatori consapevoli che li aiutino a sviluppare una buona capacità di concentrazione, indipendenza, senso di meraviglia e armonia con ciò che li circonda, per diventare cittadini e cittadine consapevoli. E sono convinta che senza di questo due perle per contare non servano proprio ad un bel niente.

 

 

 

 

Annunci

2 pensieri su “Montessori 6-12 per gli anni della scuola

  1. Buongiorno, bello l’articolo, pessima l’ultima frase: sminuire l’importanza dei materiali montessoriani credo equivalga a fraintendere completamente il messaggio di Maria Montessori, secondo la quale l’apprendimento, almeno per la prima metà della fascia d’età indicata, avviene ancora tramite le mani! Niente materiali, niente Montessori. Il resto è un’elucubrazione. Poi certamente i materiali possono (secondo me devono) essere “poveri”, non quelli blasonati e certificati…ma la loro importanza non può essere svilita. Montessori è una scienziata, non una filosofa, nè una pedagogista, nè un’insegnante…il suo approccio va collocato, se non vuol essere frainteso.

    Cordiali Saluti

    Anna Pellicioli

    Mi piace

    1. L’ultima frase è solo mia e non intende svilire i materiali montessoriani, l’intento è anzi l’opposto. Senza il complesso sistema di principi Montessori, I materiali non possono avere valore. Non mi dica che sono la sola ad aver notato un uso dei materiali on line e in attività pseudo Montessori che rientrava più l’addestramento che nella costruzione di saperi

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...