3. Un caffè con Montessori. Cosa vuol dire periodi sensitivi

Maria Montessori ne Il segreto dell’infanzia li descrive così: Si tratta di sensibilità speciali, che si trovano negli esseri in via di evoluzione, cioè negli stati infantili, le quali sono passeggere e si limitano all’acquisto di un determinato carattere: una volta sviluppato questo carattere, la sensibilità finisce: e così ogni carattere si stabilisce con l’aiuto di un impulso, di una possibilità passeggera. Ok, ma in … Continua a leggere 3. Un caffè con Montessori. Cosa vuol dire periodi sensitivi

2. Un caffè con Montessori. Perché il metodo Montessori ha senso anche oggi?

Dopo aver visto a grandi linee chi era Maria Montessori, la grande domanda a questo punto è: ma che senso ha applicare oggi un metodo pensato più di 100 anni fa? Insomma, il mondo è leggermente cambiato, i bambini non sono certo più gli stessi di allora e manco i genitori, allora perché se ne parla ancora? Ma, soprattutto,  è possibile che sia ancora attuale? … Continua a leggere 2. Un caffè con Montessori. Perché il metodo Montessori ha senso anche oggi?

Voglio un tempo lento

Mattina. Ora di colazione prima di andare a scuola, lavoro, fuori. Tu sei lì che corri, ti vesti, cerchi gli occhiali, la borsa, le chiavi. Figlio/a è seduto che fa colazione, alzando il cucchiaio piano piano, infilando i cereali in bocca uno ad uno, riappoggiando il cucchiaio alla scodella si ferma per chiederti perché i serpenti hanno la lingua biforcuta. Tu ti fermi e ti … Continua a leggere Voglio un tempo lento

La libertà di leggere

Scena. Interno giorno. Una libreria come tante, forse una catena, forse no. Ci sono una nonna con un bambino, bello sorridente, e un papà con una bambina, vivace con i codini. La nonna chiede al bambino quale libro desidera, mostrando con la mano la sezione Lionnicarlemunari, il bambino la guarda e si fionda su Cars, Il librotto di Saetta McQueen e suoi amici. La nonna … Continua a leggere La libertà di leggere